sabato 27 gennaio 2018

Tre

Finalmente questo atteso compleNanno è arrivato piccola mia.
Si dico proprio a te, che tre anni fa sei arrivata e hai salutato me e tuo padre con un pianto da paperetta e che per prima hai conosciuto la forza e la sicurezza delle braccia del tuo papà, che non voleva più mollarti, mentre io, ancora in sala parto, gli dicevo che volevo prenderti e fremevo per stringerti tra le mie di braccia.
Tu piccola forza della natura, che tutti chiamano terremoto perché non stai un secondo ferma e sei peggio di Gian Burrasca, che canti a squarciagola le canzoni che hai imparato all'asilo e ti piazzi davanti la tv ballando scatenata quando c'è la pubblicità della Tim, che la sera sali sul tavolinetto e balli la tua "Ttella mometa" dicendoci di stare "tutti tzitti!" se per caso qualcuno di noi parla. Che così piccola hai imparato l'arte della diffamazione, che non è per niente una cosa bella, e a scuola e a casa quando combini una marachella dici che è stato Cianci, il tuo compagnetto, anche quando il povero Cianci non c'è.
Tu che adori tua sorella, ma soffri un pò per questo ruolo di seconda figlia e cerchi di stare a tutti i costi al centro dell'attenzione; che sei curiosa, attenta e perfezionista come il tuo papà e se inizi a fare un disegno non ti alzi se prima non hai finito; che ci incanti tutti con il tuo sorriso e ne sei consapevole, soprattutto quando lo tiri fuori quando capisci che l'hai fatta grossa...
A te che mi hai fatto perdutamente innamorare dal primo momento in cui ti ho vista, che dai ancora più senso al nostro essere famiglia e ci conquisti ogni giorno con la tua gioia esuberante e la tua dolcezza volevo dirti che ti amiamo immensamente.
Buon compleanno cucciolina mia,

la tua mamma.

Nessun commento:

Posta un commento